Now(h)ere

Finalmente in pace, nella grande luminosa cucina, riesco a dedicarmi allo studio.

Nonna è andata a fare il bagno al fiume, mamma è in città a fare la spesa e V. , la signora che ci aiuta a fare i mestieri, ha appena finito di mettere a posto.
Mi sento in un paradiso di calma e tranquillità.
L’ unico rumore che si riesce a sentire, tendendo bene le orecchie, è il ronzio delle cicale che nel bosco qui accanto se la raccontano e se la chiacchierano da tutto il pomeriggio; accanto a me Giui dorme sul pavimento che profuma di pulito, e come lui anche i gatti se ne stanno stravaccati sul divano, sul balcone soleggiato e sul largo davanzale, accanto alla mia piantina di mentuccia.

Ah, la mia piantina! Che orgoglio: l’ho presa al Lidle una settimana fa, per qualcosa come 30 o 50 centesimi, era mezza morta, un po’ rinsecchita e dalle foglie stropicciate. “Nonna, che ne dici?” ho chiesto portando la piccola a casa come se si trattasse di un cucciolo ferito, “Cosa ne dico… Ne dico che ha bisogno di una bella dieta ricostituente!” ha cinguettato lei. A suon di humus e acqua fresca ora, incredibilmente, non sembra neanche più lei: le foglie che sembravano iniziare ad appassire hanno preso un bel verde acceso, e sulla cima dei rametti più alti iniziano a fare capolino i primi germogli. E ha un profumo, quella piccola piantina, che riesce ad inondare da sola tutta la cucina.

Se c’è una cosa che mi piace fare, è sentire i profumi: mi piace chiudere gli occhi e assaporare le fragranze quasi come se si trattasse di corpi solidi, mi piace tuffare la faccia nelle piante ed esserne avvolta dall’aroma, toccarne le foglie e restare con le mani odorose a lungo; mi piace dimenticare le fragranze che incontro e ritrovarle mesi dopo, anni dopo, quasi per caso, e ricordarle perfettamente.

I profumi hanno un’anima, “sono” l’anima stessa delle cose.

In cucina per esempio il profumo, nel bene e nel male, ha la sua bella importanza! Pensate ad una torta, un bignè o un pasticcino: possono avere anche l’aspetto migliore del mondo ma è quando li annusi, ancor prima dell’assaggio, che ti rendi conto della loro vera natura. Mai sentito il profumo di una torta bruciata? O della gelatina non rappresa per esempio, piuttosto che della crema un po’ rancida? Beh è quanto di meno invitante possa esserci. Tutto il contrario delle sensazioni che provocano i profumini che si sentono provenire dal forno ancor prima di sfornare i biscotti, o che possono emanare un tè o un caffè appena fatti.
Anche le persone hanno i loro profumi (ah, G. ha un profumo meraviglioso), e gli animali poi non ne parliamo!

Il bello dei profumi è che sono assolutamente soggettivi. Non si troveranno mai due individui che percepiscono un profumo allo stesso modo, o le cui emozioni, allo stesso aroma, siano uguali.
Mi sono resa conto solo pensandoci attentamente che per esempio adoro profumi dalla natura completamente opposta: amo quello di vernice fresca, per esempio, o di benzina, tanto quanto non riesca a non commuovermi quando nell’aria, dopo un temporale, c’è profumo di erba bagnata, o di neve, per non parlare di quanto mi entusiasmi a quello del mare.
Il profumo del mare, in effetti, è forse quello che in assoluto mi dona più felicità; si tratta di un’emozione istantanea, che come una tempesta sconvolge tutto ciò che sto facendo o pensando, ovunque sia, in un secondo: appena quell’aroma, così frizzante e placido al tempo stesso, aleggia nell’aria, io mi sento a casa. Libera.

Ed è questo il bello dei profumi: sono ovunque e in nessun luogo allo stesso tempo, sempre uguali e sempre diversi.
Per un attimo, e subito per sempre.

Annunci

4 pensieri su “Now(h)ere

  1. Che belle parole e che belle sensazioni…
    Io adoro infilare il naso nelle corolle dei fiori sbocciati, adoro il profumo di cannella che si sprigiona dal forno dopo aver cucinato qualche dolcetto, adoro l’aroma delle bevande calde, adoro l’odore della benzina vecchia, adoro l’odore del fieno appena tagliato e dell’aria dopo un temporale… E poi si, in ogni abbraccio si cela un’unica essenza…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...